Ultima modifica: 23 Aprile 2019
IISS Galileo Ferraris Taranto > Il meglio dei nostri Licei > Scientifico-Base > DUE STUDENTI DEL FERRARIS SUL GRAN SASSO PER STUDIARE I RAGGI COSMICI

DUE STUDENTI DEL FERRARIS SUL GRAN SASSO PER STUDIARE I RAGGI COSMICI

Dal 14 al 17 aprile, 29 studenti di 14 regioni italiane sono stati ospiti dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN e del Gran Sasso Science Institute per conoscere e approfondire la fisica dei raggi cosmici. I partecipanti sono stati individuati sulla base delle attività che hanno svolto durante l’ultimo International Cosmic Day e dopo esser risultati vincitori del concorso OCRA (Outreach Cosmic Ray Activities). Allo stage hanno partecipato Francesco Giannotta e Sabrina Salamino della classe 5A della sezione scientifica del Liceo “Galileo Ferraris” di Taranto, che si sono distinti su tutti gli altri partecipanti nella preparazione di una relazione sulle attività svolte durante l’International Cosmic Day per la sede INFN di Lecce.

Gli studenti hanno visitato i Laboratori Nazionali del Gran Sasso dell’INFN e il GSSI all’Aquila ed effettuato misure a diverse quote per poter apprezzare l’aumento del flusso dei raggi cosmici in relazione all’altitudine. Durante le attività sono stati guidati dagli esperti dell’INFN e del GSSI e accompagnati da alcuni docenti delle scuole partecipanti, tra cui il loro insegnante, prof. Salvatore Spinelli. Le misure realizzate hanno ripercorso una celebre campagna di raccolta dati compiuta nel 1939 dal fisico italiano Bruno Rossi per studiare il cosiddetto “assorbimento anomalo dei mesotroni”.

Nel dettaglio, dopo brevi seminari tenuti da docenti e ricercatori esperti nel campo dei raggi cosmici, i ragazzi hanno effettuato misurazioni a diverse altitudini e località partendo dal Rettorato del GSSI, passando per località situate sull’Altopiano delle Rocche (Rocca di Cambio, Campo Felice, Ovindoli), per arrivare alle quote più alte con Campo Imperatore (2100 metri slm) all’interno del comprensorio del Gran Sasso e Montecristo (1500 m slm). Lo stage si è concluso con la visita straordinaria ai laboratori sotterranei, dove sono state effettuate le ultime misure, e con la riunione finale e l’analisi di tutti i risultati presso la sede del GSSI.

Francesco e Sabrina hanno potuto vivere un’esperienza unica a contatto con il mondo della scienza e della ricerca. Nei panni di veri e propri ricercatori, hanno esplorato il mondo della fisica delle astroparticelle e, con i dati ottenuti dalle misurazioni, hanno discusso i risultati insieme agli esperti. L’esperienza in gruppo, con ragazzi provenienti da altre scuole e altre regioni, ha inoltre permesso loro di mettere alla prova quelle capacità fondamentali nel campo della ricerca scientifica, quali collaborazione e condivisione, Lo stage è risultato un’esperienza straordinaria che li aiuterà nelle loro scelte future nell’ambito della fisica.




Link vai su